Carnevale 2019: grazie a tutti

Carnevale 2019 a Formigine: sono stati giorni intensi pieni di emozioni e di incontri adesso posso ringraziare pubblicamente il Presidente dell’associazione Carnevale Luigi Giovini e tutta la squadra dei volontari, Gianni e tutta la squadra della cucina, Paul e tutta la squadra dei Volontari della sicurezza, la strana coppia di Radio Bruno che ci ha fatto divertire, i dipendenti del Comune, gli assessori, la Polizia Municipale, i carristi i bimbi e le Scuole che hanno partecipato perché il 62esimo è stato un vero Carnevale dei ragazzi Lavoriamo insieme per Formigine

La Tangenziale Sud di Formigine

Progettato dal Comune di Formigine, programmato dalla regione Emilia Romagna nel 2016, finanziato interamente dall’Unione Europea con circa 5,5 milioni di euro, parte a breve il bando di gara per la realizzazione della Tangenziale Sud di Formigine: meno camion in centro, tante emissioni di CO2 risparmiate grazie a percorsi più brevi, piantumazioni e opere di mitigazione e miglioramento ambientale per dimostrare che lo sviluppo non è alternativo alla tutela dell’ambiente, ma che possono e devono andare di pari passo! Nuova linfa allo sviluppo imprenditoriale e al lavoro per Formigine!

I contenuti progettuali sono rimasti gli stessi del progetto definitivo, già approvato nel marzo del 2018. Si tratta di una strada a una corsia per senso di marcia, della lunghezza complessiva di circa 1,3 chilometri e classificata secondo le norme del Codice della Strada come extraurbana secondaria, di categoria C1. Si presume che i lavori verranno aggiudicati entro l’inizio dell’estate. La durata del cantiere sarà di circa 14 mesi.

Il progetto prevede la realizzazione di una rotatoria di circa 45 metri di diametro, all’intersezione tra via Prampolini e via Ghiarola, un tratto stradale “in trincea”, cioè più basso rispetto al piano di campagna, un sottopasso ferroviario idoneo anche al transito di mezzi pesanti e il collegamento con la rotatoria già presente a Ponte Fossa. Particolare attenzione è stata posta alle soluzioni progettuali dedicate all’inserimento paesaggistico ambientale e alla mobilità ciclabile. L’opera infatti, lungo tutto il suo tracciato, sarà dotata di collinette e barriere antirumore ai lati della carreggiata, varchi ecologici per il passaggio della fauna selvatica e soprattutto una pista ciclopedonale in sede propria, che collegherà via Sassuolo con via Ghiarola. Fa parte delle opere di completamento la piantumazione di alberi e siepi, per la rinaturalizzazione delle aree residuali.


Formigine diventa città


Formigine si diventa. E noi siamo diventati Città di Formigine. In consiglio comunale il 28 febbraio ho dato l’informativa ufficiale: il comune di Formigine è stato insignito del titolo di Città dal Presidente della Repubblica. In Italia, si possono fregiare di questo titolo alcuni comuni in virtù della loro importanza storica, artistica, civica o demografica.

La nuova rotatoria di Casinalbo

Una rotatoria serve per fluidificare il traffico e migliorare così non solo la viabilità ma anche la qualità dell’aria. Il 24 febbraio abbiamo inaugurato la rotatoria tra via Erri Billò e via Giardini a Casinalbo, con una festa organizzata assieme alle associazioni Le Palafitte 2.0, l’Associazione di storia locale E. Zanni, il Circolo Filatelico e Numismatico formiginese, Il Flauto Magico.

Si tratta della realizzazione della porta urbana a sud della frazione, che rientra nel più ampio progetto di riqualificazione del centro storico di Casinalbo finalizzato da una parte alla ricucitura urbana degli abitati est-ovest, ma anche al miglioramento della mobilità veicolare in attraversamento nord-sud attraverso l’eliminazione dei semafori.

Un’attenzione particolare è stata destinata alla mobilità pedonale, con la realizzazione di passaggi frazionati come quelli già realizzati nei centri storici di Casinalbo e di Formigine.

L’investimento complessivo è di 335.000 euro, interamente coperto da un contributo della Regione Emilia-Romagna, nell’ambito di un accordo già stipulato per la messa in sicurezza degli attraversamenti sui passaggi a livello.

L’inaugurazione di Ca’ Bella

Ca’ Bella, un antico mulino ristrutturato, è diventato un centro di formazione altamente specializzata, con laboratori di robotica e informatica all’avanguardia. E’ stata l’emozione di veder concretizzarsi un progetto partito qualche anno fa, con l’obiettivo ampio di creare opportunità di formazione e di lavoro per i nostri giovani. A Colombaro, il 16 febbraio, abbiamo inaugurato Ca’ Bella, nuovo Centro di Formazione, con laboratori di robotica e informatica all’avanguardia. Grazie ai tanti cittadini presenti, ai ragazzi delle scuole, alle autorità, agli esponenti del mondo imprenditoriale, a tutti coloro i quali partecipano a questa rete che ascolta il territorio (foto Giulia Gibertini)